Glossario

Selezione e breve definizione dei principali termini utilizzati nella Programmazione e attuazione degli Interventi Strutturali 2014-2020 con particolare riferimento agli Obiettivi Tematici 11 e 2.

Definisce, a livello di ciascuno Stato membro, i fabbisogni di sviluppo, gli obiettivi tematici della programmazione, i risultati attesi e le azioni da realizzare tramite l’impiego dei fondi strutturali.

È predisposto da uno Stato membro in collaborazione con le istituzioni di livello centrale e locali e i partner economici e sociali.

È approvato dalla Commissione Europea in seguito del negoziato con lo Stato membro.

Ultimo aggiornamento: 09 Gennaio 2017

L’Agenda Digitale Europea rappresenta uno dei 7 pilastri della Strategia “Europa 2020”, che indica gli obiettivi per la crescita dell’UE fino al 2020.

Lo scopo dell’Agenda Digitale è fare leva sul potenziale delle tecnologie ICT per favorire innovazione, progresso e crescita economica, avendo come obiettivo principale lo sviluppo del mercato unico digitale.

Argomento: Europa 2020
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 09 Gennaio 2017

Nel quadro dell’Agenda Digitale Europea, l’Italia ha elaborato una propria strategia nazionale, individuando priorità e modalità di intervento, nonché le azioni da compiere e da misurare sulla base di specifici indicatori, in linea con gli scoreboard dell’Agenda Digitale Europea.

Argomento: Europa 2020, OT2
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 09 Gennaio 2017

Le Aree di Lavoro Comune (ALC) sono ambiti tematici che derivano da insiemi di azioni OT11 e OT2 presenti nei diversi PO, per i quali è condiviso l'interesse a sviluppare linee guida, riferimenti di metodo e di competenze.

Supportano la migliore programmazione attuativa degli interventi di rafforzamento della capacità amministrativa e di digitalizzazione, con particolare attenzione all'integrazione e alla messa in sinergia di OT11 e OT2 (Agenda digitale).

Argomento: Metodo di lavoro
Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio 2017

Soggetto responsabile della regolare gestione di una qualsiasi forma di intervento cofinanziata dai Fondi Strutturali.

Si tratta di autorità o organismi pubblici o privati, nazionali, regionali o locali designati dallo stato membro.

Argomento: Autorità e Organismi pertinenti
Link correlati: Approfondimento
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Fornisce informazioni, dati, elaborazioni e contributi tecnico-scientifici rispetto alle singole ALC, per il miglioramento della capacità attuativa e di pianificazione delle amministrazioni titolari di PO.

Sono Centri di Competenza le amministrazioni pubbliche individuate per ogni ALC in virtù delle competenze sul tema trattato.

Argomento: Aree di Lavoro Comune, Metodo di lavoro
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

I fondi strutturali sono gli strumenti di intervento creati e gestiti dall'Unione Europea per finanziare vari progetti di sviluppo al suo interno.

Gli obiettivi principali dei fondi strutturali sono tre:

  • la riduzione delle disparità regionali in termini di ricchezza e benessere
  • l'aumento della competitività e dell'occupazione
  • il sostegno della cooperazione transfrontaliera

I fondi strutturali, ossia: FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e FSE (Fondo Sociale Europeo), per citare i più recenti, sono strumenti polivalenti (finanziari, di programmazione, di pianificazione ecc.) che da un lato sono stati creati dalla UE per cofinanziare e programmare, in modo pluriennale, gli interventi sul territorio, e dall'altro hanno sigle differenti perché si occupano di aree funzionali differenti, organicamente volti al fine complessivo ora ricordato.

Inoltre, a livello delle singole Regioni UE, i fondi strutturali vengono espressi da specifici programmi, analoghi nei fatti agli strumenti di programmazione e pianificazione territoriale. Tra questi si possono menzionare i cosiddetti Programmi Operativi (PO) sia regionali (POR) sia sovraregionali (PON), vincolati alle linee guida dettate dai rispettivi regolamenti.

Argomento: Fondi Strutturali e d'Investimento Europei (SIE)
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Il FESR contribuisce al finanziamento del sostegno destinato a rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale eliminando le principali disparità regionali nell'Unione tramite lo sviluppo sostenibile e l'adeguamento strutturale delle economie regionali, compresa la riconversione delle regioni industriali in declino e delle regioni in ritardo di sviluppo.

Il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale sostiene gli 11 obiettivi tematici del regolamento (UE) n. 1303/2013.

Argomento: Fondi Strutturali e d'Investimento Europei (SIE)
Link correlati: Approfondimento
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è il principale strumento utilizzato dall’UE per sostenere l'occupazione, aiutare i cittadini a trovare posti di lavoro migliori e assicurare opportunità lavorative più eque per tutti.

Fra il 2014 e il 2020 sono previsti investimenti in capitale umano negli Stati membri per oltre 80 miliardi di euro, con almeno 3,2 miliardi di euro in più per l'iniziativa a favore dell'occupazione giovanile.

Nello stesso periodo il FSE si concentrerà su quattro obiettivi tematici della politica di coesione:

  • la promozione dell'occupazione e il sostegno alla mobilità dei lavoratori
  • la promozione dell'inclusione sociale e la lotta contro la povertà
  • l'investimento in istruzione, competenze e apprendimento permanente
  • il miglioramento della capacità istituzionale e l'efficienza dell'amministrazione pubblica

Il 20% degli investimenti del FSE, inoltre, sarà destinato ad attività dirette a migliorare l'inclusione sociale e a contrastare la povertà. Tale approccio assume il nome di concentrazione tematica.

Argomento: Fondi Strutturali e d'Investimento Europei (SIE)
Link correlati: Approfondimento
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Il complesso di procedure, tecniche e attività volte alla rilevazione e al trattamento dei dati relativi allo stato di attuazione finanziaria, fisica e procedurale di un investimento.

Argomento: Metodo di lavoro
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

È  l'ambiente di  collaborazione on line del Comitato di Pilotaggio. Realizzato per facilitare l'attivazione delle ALC e la partecipazione delle amministrazioni, mette a disposizione strumenti per la produzione comune e la condivisione delle risorse.

Argomento: Aree di Lavoro Comune, Comitato di Pilotaggio, Metodo di lavoro
Link correlati: Network OT11-OT2
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Gli Obiettivi Tematici (OT) sono gli ambiti, comuni per tutta l’Unione Europea, che la politica di coesione ha stabilito a sostegno della crescita per il periodo 2014 – 2020.

Sono previsti  all’art. 9 del Regolamento UE 1303/13, contenente le disposizioni comuni sui Fondi Strutturali e d’Investimento Europei (SIE).

Tra gli undici Obiettivi Tematici vi sono:

  • OT2 Migliorare l'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, nonché l'impiego e la qualità delle medesime
  • OT11 Rafforzare la capacità istituzionale e promuovere un'amministrazione pubblica efficiente.
Argomento: Ciclo di programmazione 2014-20, Obiettivi tematici
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Principale strumento della Commissione Europea per attuare la strategia nazionale di accompagnamento ai processi di riforma e modernizzazione della PA italiana chiamata sia a una maggiore efficienza che a migliorare il coordinamento tra i diversi centri decisionali.

Il Programma ha una dotazione finanziaria di oltre 827 milioni di euro, composta da risorse comunitarie, per un totale di cofinanziamento comunitario pari al 70,53%, cui si sommano risorse pubbliche nazionali.

Beneficiari del Programma sono principalmente le amministrazioni pubbliche centrali, regionali, locali, enti pubblici, strutture periferiche dello Stato e, in forma collegata su alcune azioni specifiche, associazioni della società civile, università, centri di ricerca.

Le priorità di investimento si articolano in tre Assi più uno di Assistenza Tecnica.

Argomento: Ciclo di programmazione 2014-20
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Documento di attuazione della programmazione europea, proposto dallo Stato nazionale (attraverso un’amministrazione centrale che svolge il ruolo di Autorità di Gestione) e approvato dalla Commissione Europea.

Argomento: Ciclo di programmazione 2014-20
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Documento di attuazione della programmazione europea proposto da una Regione (che svolge il ruolo di Autorità di Gestione).

È approvato dalla Commissione Europea.

Argomento: Ciclo di programmazione 2014-20
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Regole comuni alle amministrazioni titolari di PO prodotte in modo condiviso nell’ambito delle ALC.

Possono assumere la forma di standard, riferimenti di metodo o di contenuto, linee guida.

Argomento: Aree di Lavoro Comune, Metodo di lavoro
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Uno stakeholder è un qualsiasi individuo o gruppo di individui che possono influenzare o essere influenzati dall’ottenimento degli obiettivi da parte dell’organizzazione stessa.

Gli stakeholder possono essere sia interni che esterni rispetto ai confini di ogni singola organizzazione e possono essere portatori di diritti e di interessi.

Argomento: Autorità e Organismi pertinenti, Inclusività, Partecipazione
Link correlati: Fonte
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017

Orientano operativamente l'attività delle ALC, attraverso la specificazione degli obiettivi, del metodo da seguire, dei prodotti attesi, dei tempi di realizzazione e degli attori coinvolti.

Sono proposti dall'amministrazione che svolge la funzione di Centro di Competenza e sono condivisi dalle amministrazioni partecipanti.

Argomento: Aree di Lavoro Comune, Metodo di lavoro
Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2017