Il personale comunale diventa protagonista delle gestioni associate

Pubblicato il
23 Aprile 2018
immagine seminario gestioni associate Appennino Basso
Riferimento Progetto: 

Per la prima volta vertici, amministratori e tecnici comunali si sono riuniti attorno a un tavolo per provare a trovare un nuovo modo di operare, così come richiesto al personale dei comuni d’area interna.

Un esordio giudicato dai protagonisti molto positivo di cui, più o meno consapevolmente, tutti avvertivano la necessità. Il 19 e 20 aprile a Cagli e Serra San’Abbondio, nella due giorni di Coworking SNAI: laboratorio interattivo per la cooperazione interistituzionale nell'Area Interna Basso Pesarese – Anconetano organizzata dal Comitato nazionale aree interne e FormezPA con la collaborazione dell’Unione Montana Catria e Nerone per favorire l’interazione tra strutture comunali, ottimizzando risorse umane e innovando le procedure, come premessa all’efficace attuazione degli interventi sul territorio.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività del progetto La Strategia nazionale aree interne e i nuovi assetti istituzionali attuato da FormezPA e a titolarità del Dipartimento della funzione pubblica.

L’area marchigiana è la prima ad aver sottoscritto l’Accordo di Programma Quadro (APQ), documento che segna l’avvio degli interventi, tra quante partecipano alla Strategia nazionale aree interne (SNAI). Dopo la prima giornata, sul palco dello splendido teatro di Cagli, in cui sono stati illustrati gli obiettivi, le finalità e le innovazioni della SNAI e  fatto il punto sull’avanzamento delle azioni previste dalla strategia dell’Appennino Basso Pesarese Anconetano, il secondo appuntamento nell’atmosfera meditativa del Monastero di Fonte Avellana a Serra Sant’Abbondio, dove ha debuttato quella collaborazione che dirigenti e personale dei 9 comuni dell’area dovranno costantemente mantenere per dare concretezza alla gestione associata di funzioni e servizi posta a presupposto della Strategia.

Il team del Formez PA ha facilitato il confronto e il dialogo attraverso la loro libera aggregazione attorno a 3 tavoli su altrettanti temi scelti nella precedente fase plenaria.

Le tematiche sono state selezionate a partire dalle esigenze e le problematiche sollevate dai partecipanti in relazione alle diverse azioni previste nella strategia d’area. Nei tre gruppi di lavoro -istruzione, informatizzazione e pratiche amministrative- attraverso tecniche di autoformazione e autoapprendimento favorite dagli esperti Formez, sono stati individuate possibili modalità operative valide e a beneficio di ogni comune dell’area.

Le proposte condivise nei singoli tavoli sono state infine riportate a tutti i partecipanti che hanno riconosciuto l’utilità del lavoro collaborativo svolto.

Il seminario ha avuto il merito di avviare quel percorso di cooperazione tra il personale dei 9 comuni necessario per erogare servizi di qualità su tutti i territori dell’area di cui fanno parte e nello stesso tempo ha abbozzato un modello per concretizzare l’associazionismo da poter eventualmente replicare anche nelle altre aree interne in cui si sperimenta la SNAI.