Resilienza

Analisi dei fattori di produzione per resilienza e sviluppo del SSN

Il Progetto nasce dalla necessità di potenziare e consolidare la modernizzazione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), prevista dal Patto per la Salute, attraverso strumenti di monitoraggio e verifica relativi all’adeguatezza dell’offerta dei fattori produttivi (personale, beni e servizi), che assicuri l'equità del sistema e i Livelli essenziali di assistenza (LEA).

La finalità dell’intervento, realizzato dal Ministero della Salute, è di utilizzare metodologie che consentano l'analisi dei livelli di efficacia e di efficienza operativa delle aziende sanitarie, supportandole nell’individuazione delle criticità, nell'erogazione dell'assistenza, anche attraverso il benchmark con le altre aziende sanitarie operanti sul territorio regionale e nazionale.

Le metodologie saranno sviluppate a livello centrale e condivise con le Regioni per favorire, attraverso una governance congiunta, l’attività sistematica di programmazione e di gestione della spesa sanitaria. In tal senso il progetto consentirà, da un lato, di aumentare il numero di amministrazioni pubbliche che attiveranno tali percorsi di sviluppo e, dall’altro, di pervenire a migliori performance in termini di efficienza grazie all’ottimizzazione dei costi.

Nel quadro del Progetto revisionato sono state avviate le attività di attuazione tramite l’attivazione di un servizio denominato “Servizi di interoperabilità per i dati e di cooperazione applicativa”, in adesione alla Convenzione Consip SPC Cloud Lotto 3 che ha portato alla sottoscrizione, in data 3 agosto 2018, di un contratto con il Raggruppamento Temporaneo di Imprese Almaviva S.p.A. (mandataria) - Almawave s.r.l. - Indra Italia S.p.A - PricewaterhouseCoopers Public Sector S.r.l. (mandanti). Inoltre, per l’attuazione delle attività progettuali, la Direzione Generale ha avviato una procedura di selezione di 15 collaboratori esterni (Avviso Pubblico del 24 agosto 2018). Di questi, si è potuto procedere alla contrattualizzazione di soli 13 collaboratori rispetto al fabbisogno iniziale. In ultimo, per la realizzazione delle attività afferenti alla comunicazione e alla disseminazione del Progetto è stata stipulata apposita convenzione con l’ente in house Agenzia Nazionale per l’Attuazione degli Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa SpA.

Il 29 aprile 2019 il Dipartimento della Funzione Pubblica ha approvato la nuova scheda progetto  che prevedeva la proroga delle attività di 12 mesi, la rimodulazione del quadro finanziario con una riduzione della voce di spesa “Missioni”ed un corrispondente incremento della voce “Servizi di supporto specialistico”, il ricorso all’affidamento in house ad Invitalia per lo svolgimento delle attività di comunicazione, e l’aggiornamento degli indicatori di realizzazione fisica e di risultato, coerentemente con le modifiche apportate al progetto. Nel corso di realizzazione del Progetto si è determinata la necessità dover richiedere al Dipartimento della Funzione Pubblica di prorogare le attività fino al 30 novembre 2020, nonchè di rimodulare il budget di progetto. Detta esigenza nasce da attività aggiuntive che sono emerse e che hanno inciso sul cronoprogramma di esecuzione. Il 13 aprile 2020 il Dipartimento della Funzione Pubblica ha approvato l’ultima scheda progetto rimodulata, che vede il termine ultimo progettuale al 30 novembre 2020. Quest’ultima scheda prevede inoltre la variazione in aumento del contratto stipulato in adesione alla Convenzione Consip SPC Cloud - Lotto 3 per la realizzazione di attività aggiuntive, e la continuità al supporto tecnico-operativo da parte di sei esperti tramite l’estensione dei relativi contratti fino al 30 novembre 2020.

In coerenza con la Scheda Progetto approvata e l’offerta tecnica del fornitore le attività sono in corso di realizzazione secondo un’articolazione per linee di intervento:

  • Linea 1:
    Sviluppo e test di un modello predittivo basato sui big data a supporto alla programmazione sanitaria.
     
  • Linea 2:
    Sviluppo di metodologie e strumenti utili per la definizione dell’adeguato impiego dei fattori produttivi nell’erogazione dei LEA - Sviluppo di un modello di analisi dei big data a supporto delle decisioni e del monitoraggio nell’impiego di beni e servizi nel SSN.

L'attività di coordinamento progettuale è affidata alla Cabina di regia istituita con decreto direttoriale del 5 novembre 2018.
La Cabina di Regia è formata dai vari Direttori Generali del Ministero della Salute, dai Direttori degli Uffici IV (Analisi aspetti economico-patrimoniali dei bilanci degli enti del SSN e definizione del fabbisogno finanziario del SSN), VI (Monitoraggio e verifica dell'erogazione dei LEA e dei Piani di rientro) e VII (Patrimonio del Servizio sanitario nazionale) della Direzione Generale della Programmazione Sanitaria e dal Responsabile Tecnico Scientifico del Progetto.
All’interno della Cabina di Regia opera l’Advisory Board con funzioni di supporto tecnico scientifico a cui partecipano, oltre ai Direttori Generali, l’Istituto Nazionale di Statistica (Istat), l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS), il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), l’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro (INAIL), la Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche (FISM) e i referenti della Regione Lombardia e della Regione Toscana, individuati dal Coordinamento Commissione Salute in rappresentanza di tutte le Regioni.

Sono stati istituiti quattro “Gruppi di Lavoro” a cui partecipano, in relazione alle specifiche competenze, i referenti delle Direzioni Generali del Ministero, i rappresentanti delle Amministrazioni Regionali, delle Province Autonome formalmente nominati dal Coordinamento delle Regioni, nonché i referenti degli organismi istituzionali considerati più autorevoli nell’ambito di interesse. I Gruppi di Lavoro ad oggi attivi sono:

  • Gruppo di Lavoro 1 “Core model”
    tale Gruppo di Lavoro è stato istituito con l’obiettivo di costruire l’impianto di base del prototipo tramite il recepimento del modello nazionale di stratificazione della popolazione che classifica gli individui in base a diversi profili di consumo, oltre che tramite la proiezione delle dinamiche di tipo epidemiologico, demografico e degli stili di vita per simulare il fabbisogno di salute della popolazione in un orizzonte di medio-lungo termine. All’interno del Gruppo di Lavoro 1 è stato costituito un sottogruppo operativo coordinato dalla FISM e composto da circa 25 società medico scientifiche tra cui la Società Italiana di Farmacologia, la Società Italiana di Diabetologia e la Società Italiana di Neurologia;
     
  • Gruppo di lavoro 2 “Economico Finanziario”
    che ha l’obiettivo di analizzare il costo delle malattie, valutare il fabbisogno atteso in termini di spesa sanitaria attraverso la costruzione del conto economico tendenziale e programmatico;
     
  • Gruppo di lavoro 3 “Patologie e Innovazione”
    che intende simulare gli effetti delle azioni programmatiche su determinate classi di patologie e valuta l’impatto delle possibili innovazioni in arrivo nel settore farmaceutico, dispositivi medici e tecnologie sanitarie.
     
  • Gruppo di lavoro 4 “Alimentazione modello e analisi dati"
    gruppo tecnico-operativo che si occupa della costruzione del modello prototipale sia dal punto di vista architetturale che mediante la costituzione del set di dati necessari per l’alimentazione del prototipo del modello. 

Per assicurare l’ottimale raccordo decisionale e operativo tra l’Advisory Board e i Gruppi di Lavoro attivati per la realizzazione del Progetto è stato istituito un Panel Scientifico composto da rappresentanti appositamente designati nell’ambito di ogni Gruppo.

 

In breve

Resilienza
Beneficiario: 
Ministero della Salute
Destinatari: 
Regioni
Ambito Tematico: 
Servizi sanitari
Durata: 
52 mesi
Risorse Assegnate: 
€ 6.375.163,00
Informazioni e contatti: