RiformAttiva

Metodi e strumenti per l’implementazione e diffusione attiva della riforma della pubblica amministrazione

Fornire un accompagnamento sostanziale alle riforme della PA.

Tre linee d’azione che prevedono:

  1. L’accompagnamento all’implementazione della L. 124/2015 recante “Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” (c.d. Riforma Madia), attraverso iniziative pilota rivolte alle amministrazioni territoriali da utilizzare, come “laboratorio istituzionale”, per l’effettiva adozione e integrazione delle nuove regole nell’ambito dei processi interni, assicurando la replicabilità dei risultati e dei modelli sul territorio nazionale.
  2. L’attivazione di un coordinamento operativo dei progetti di accompagnamento alle riforme della PA, assicurato dal Dipartimento della Funzione Pubblica, per condividere e valorizzare le buone pratiche, le competenze e le soluzioni di modernizzazione realizzate dalle singole iniziative e governare le interdipendenze tra i progetti stessi.
  3. La costituzione di un “Osservatorio nazionale” che identifichi, raccolga e integri tutto il patrimonio informativo esistente sulle PA e che consenta la migliore definizione delle linee d’intervento a supporto del rafforzamento della capacità amministrativa.

Rispetto agli ambiti di assessment e piano dei fabbisogni, semplificazione e valutazione della performance, sono state avviate le attività relative alla fase di prima applicazione e verifica degli esiti della fase di sperimentazione che sta coinvolgendo complessivamente 88 amministrazioni su tutto il territorio nazionale e che sono gestite attraverso 3 società vincitrici di bandi di gara europei.

Per l'ambito tematico dell'accesso generalizzato e FOIA, è in fase di completamento la realizzazione delle attività condivise con le 13 amministrazioni nei piani di lavoro già definiti, che hanno portato al consolidamento di conoscenze e competenze sulla norma e di messa a punto e sperimentazione di azioni, metodologie e strumenti.

È in fase di avvio l'attività orientata alla disseminazione dei risultati del Progetto, aperta ad un numero più ampio di amministrazioni.

È stata avviata l’azione dedicata ai social media finalizzata alla progettazione partecipata di strategie di comunicazione attraverso i social coinvolgendo le amministrazioni partecipanti al progetto con un avviso di manifestazione di interesse a cui hanno aderito 27 amministrazioni.

 

In breve

RiformAttiva
Beneficiario: 
Dipartimento della Funzione Pubblica
Destinatari: 
Amministrazioni pubbliche regionali e locali
Ambito Tematico: 
Lavoro pubblico, Semplificazione, Trasparenza
Durata: 
36 mesi
Risorse Assegnate: 
€ 7.000.000,00
Informazioni e contatti: 

Mappa degli attori coinvolti

La mappa consente di visualizzare la collocazione sul territorio degli attori coinvolti nei progetti gestiti dal Dfp in qualità di Organismo Intermedio.

È possibile utilizzare i filtri di navigazione laterali per effettuare ricerche mirate.

Legenda

 Regione
 Provincia
 Città Metropolitana
 Comune
 Unione dei Comuni
 Altri Enti o Aggregazioni

Documenti e materiali consultabili

Avviso per l'acquisizione della manifestazione di interesse
11/04/2018

Cronoprogramma di RiformAttiva

Piano trimestrale delle attività di progetto

Incontri

24/03/2020
Progetto RiformAttiva

Secondo incontro tematico di un ciclo di tre dedicato alle Province per analizzare e condividere i risultati del lavoro condotto da RiformAttiva ed estenderne l’esperienza per supportare le amministrazioni provinciali nella creazione di Help Desk FOIA.

10/03/2020
Progetto RiformAttiva

Primo incontro tematico di un ciclo di tre dedicato alle Province per analizzare e condividere i risultati del lavoro condotto da RiformAttiva ed estenderne l’esperienza per supportare le amministrazioni provinciali nella creazione di Help Desk FOIA.

09/03/2020
Progetto RiformAttiva

Il webinar ha per oggetto l’organizzazione e le funzioni dell’help desk, con particolare riguardo alla sua natura e composizione, ai rapporti con gli uffici e alla diffusione, negli enti, delle informazioni e buone pratiche in materia di accesso civico generalizzato, secondo le indicazioni della circolare n. 2/2017.