PA: l’Italia è il Paese più votato per nuovo mandato nel Comitato direttivo OGP

Pubblicato il
03 Giugno 2020
Comitato direttivo OGP: ’Italia il Paese più votato

L’Italia conquista un secondo mandato triennale (2020-2023) nel Comitato direttivo dell’Open Government Partnership, che partirà dal prossimo ottobre. L'iniziativa internazionale mira a ottenere impegni concreti dai Governi in termini di promozione della trasparenza, sostegno alla partecipazione civica, lotta alla corruzione e diffusione di nuove tecnologie a sostegno dell'innovazione, dentro e fuori le Pubbliche Amministrazioni.
Il nostro Paese - e la sua PA -  è risultato al primo posto tra quelli votati dai 76 Governi che aderiscono all’OGP.

L’Italia ha ottenuto 186 punti, superando Paesi come il Regno Unito (170) e il Canada (159), che vantano una grande tradizione sui temi della trasparenza, partecipazione e accountability.
Tra i punti di forza della proposta italiana, presentata e promossa dal Ministro per la PA Fabiana Dadone, è l’agenda italiana sui temi dell’open government: iniziative a supporto della partecipazione, interventi per la comunicazione pubblica e la social media policy, valutazione della performance, avanzamento sul fronte della regolamentazione dei portatori di interessi, semplificazione in materia di trasparenza e organizzazione della “Settimana dell’amministrazione aperta”.

Un nuovo mandato che è l’occasione per continuare a sviluppare collaborazioni e promuovere lo scambio di buone pratiche e il dialogo con la società civile a livello nazionale e internazionale. Si tratta, inoltre, di un significativo riconoscimento per l’intero Paese e per il suo ruolo sulla scena internazionale, che ha visto il contributo di tanti dirigenti e funzionari pubblici impegnati a dare concretezza, ogni giorno, ai principi di trasparenza, partecipazione e accountability.