Seconda giornata della XXXVII Assemblea Annuale ANCI 2020: Una comunità coesa per una nazione che cambia. Come essere migliori dopo il Covid.

Pubblicato il
20 Novembre 2020
Anci Assemblea

Dopo l'avvio con l'intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la XXXVII Assemblea ANCI è entrata nel vivo con una serie di confronti a distanza tra rappresentanti delle Istituzioni, Sindaci e personalità del mondo economico e sociale.

Nella seconda giornata, il panel “Una comunità coesa per una nazione che cambia” - all’interno della sessione del 18 novembre dedicata al “Come essere migliori dopo il covid” - ha raccolto  le esperienze dei rappresentanti delle realtà comunali che si sono confrontati con alcuni degli esponenti delle Amministrazioni Centrali. 

Il filo conduttore del talk è stato il ruolo della coesione nelle comunità territoriali e i possibili insegnamenti che la crisi sanitaria potrà generare per la costruzione di un futuro responsabile e di nuovi stili di vita.

La coesione oggi più che mai è un valore fondante che guida e deve continuare a guidare il rapporto tra Amministrazioni locali e Governo centrale; un rapporto che nel corso degli ultimi mesi si è rafforzato, ma che su richiesta esplicita dei rappresentanti territoriali necessita di essere consolidato, per poter affrontare tutte le problematiche derivate dalla pandemia.

I comuni oggi più che mai assumono un ruolo centrale e decisivo per dare sostegno ai cittadini, e i sindaci sono diventati la spina dorsale di un sistema che ha dimostrato una buona resilienza e un’elevata capacità di risposta.

Nelle nuove sfide che l’Italia si pone (sostenibilità, rigenerazione urbana, edilizia scolastica, ripensamento città e periferie, valorizzazione dei piccoli centri), grazie alle nuove risorse economiche che saranno messe a disposizione a livello nazionale ed europeo, saranno proprio gli Enti locali a svolgere, in tal senso, un ruolo da veri protagonisti del rilancio economico e sociale del Paese. 

Per questo è necessario ripartire dal rafforzamento della capacità amministrativa e dal sostegno economico delle Amministrazioni locali, punto di riferimento delle comunità: diversi gli interventi messi in atto già nel 2020 destinate ai Comuni per affrontare l’emergenza

Tra questi il Governo ha introdotto l’indennità dei sindaci per i piccoli comuni per riconoscere l'impegno straordinario che quotidianamente dedicano alla loro comunità.

Il Governo, inoltre, ha agito anche sul Fondo di solidarietà comunale, finalizzato ad assicurare un'equa distribuzione delle risorse ai comuni, rafforzandolo per venire incontro alle nuove crescenti esigenze delle realtà locali con funzioni sia di compensazione delle risorse attribuite in passato sia di distribuzione, in un'ottica di progressivo abbandono della spesa storica.

Nel corso della conferenza sono intervenuti Roberto Gualtieri (Ministro dell’Economia e delle Finanze), Angelo Borrelli (Capo della Protezione Civile), Domenico Arcuri (Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19), Giuseppe Provenzano (Ministro per la Coesione Territoriale), Luciana Lamorgese (Ministro dell’Interno).