Stati Generali della Montagna. Terzo incontro: presentazione dei lavori

Pubblicato il
20 Febbraio 2019
Italiae_Incontro_19_febbraio_2019_DARA
Riferimento Progetto: 

Martedì 19 febbraio 2019, presso il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie (DARA), si è svolto l'incontro dei coordinatori dei tavoli tematici permanenti degli Stati Generali della Montagna, inseriti all’interno del progetto ITALIAE, cofinanziato con il PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020.
 
L’incontro ha fatto seguito alla riunione di avvio degli Stati Generali della Montagna (16 ottobre 2018) e ad una mid-term meeting tenutosi il 18 dicembre 2018 – a pochi giorni di distanza dalla ‘Giornata Internazionale della Montagna’ – nel quale, oltre alla formalizzazione dei coordinatori, sono state discusse le modalità di lavoro di ogni tavolo.
 
L’iniziativa, fortemente voluta dal Ministro Erika Stefani che presiede il tavolo dei coordinatori presso il DARA, coinvolge più di cento stakeholder, composti da rappresentanti delle Istituzioni, organismi dell’associazionismo civile e di categoria, rappresentanti degli enti locali e delle professioni, dello sport, del turismo, delle università e della ricerca.
 
L’incontro di febbraio è stata l’occasione per molti dei coordinatori dei tavoli per notiziare tutta la comunità coinvolta sulle prime risultanze dei rispettivi lavori, presentando i primi output. I vari tavoli hanno fornito un orientamento per l’impianto di possibili interventi a favore dei territori montani, che rivendicano con forza il diritto a nuove soluzioni di carattere organizzativo, normativo e socio-economico capaci di dare un concreto contributo ai processi di rinnovamento e che possano quindi consentire il ritorno della montagna a una centralità nell’ambito della programmazione economica nazionale in grado di rispondere ai bisogni, spesso emergenziali, provenienti dai territori montani.
 
I temi trattati hanno riguardato, con le varie specificità evidenziate dai singoli tavoli, la questione della governance del territorio, dello spopolamento, dell’innovazione (specialmente quella ad alta sostenibilità), del turismo, dello sport, della valorizzazione dei prodotti della montagna, delle infrastrutture, dei servizi e della strategia macro-regionale comunitaria.
 
Gli Stati Generali della Montagna, inseriti all’interno del progetto ITALIAE nella linea di intervento degli Atelier di sperimentazione, rappresentano un rilevante momento di confronto con gli attori coinvolti (basti pensare che i comuni montani sono circa 4000 su tutto il territorio italiano), in una logica di ascolto dei fabbisogni ‘dal basso’ che potranno indirizzare e potenziare le azioni di progetto previste anche nelle altre linee di intervento (Laboratorio permanente, Filiere di diffusione, Osservatorio).