Uffici di prossimità: al via in cinque Regioni i nuovi progetti #pongov a regia del Ministero della Giustizia (Asse 1 - OT11)

Pubblicato il
16 Settembre 2020

Questa mattina si è tenuto in videoconferenza l'evento di presentazione del progetto complesso “Uffici di Prossimità” finanziato dal PON Governance e Capacità Istituzionale 2014 – 2020, un'occasione per approfondire i temi relativi al progetto che si pone l’obiettivo di promuovere un “servizio-Giustizia” più vicino al cittadino e alle fasce più deboli attraverso la creazione di una rete di sportelli.

La riforma della geografia giudiziaria ha consentito una razionalizzazione delle risorse del sistema giustizia, ma al tempo stesso ha ridimensionato la presenza degli uffici sul territorio, accentuando la pressione su quelli mantenuti.

Il Ministero di Giustizia, con l’obiettivo di assicurare una “giustizia di prossimità”, sta realizzando il progetto per garantire ai cittadini la tutela dei diritti senza la necessità di recarsi presso gli uffici giudiziari e per offrire servizi integrati e di facile accesso.  

L'esito positivo della fase pilota del progetto in Piemonte, Liguria e Toscana ha consentito di esportare e replicare presso altre realtà i modelli organizzativi, gestionali ed applicativi sviluppati. Le nuove regioni che si sono aggiunte, Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio, Puglia e Sardegna,  avranno l’obiettivo di creare - attraverso l’istituzione di Uffici di prossimità sul territorio e in collaborazione con gli Enti Locali - un sistema di Giustizia più vicino ai cittadini residenti nei territori regionali e al tempo stesso di decongestionare il lavoro dei tribunali ordinari.

Per il periodo 2019-2023 l’obiettivo sarà ottenere maggiore efficienza e trasparenza nei rapporti tra il sistema Giustizia e i cittadini, garantendo un servizio completo e integrato specialmente alle fasce più deboli, andando a costituire un punto di riferimento nel territorio grazie alla collaborazione delle altre Istituzioni coinvolte nel progetto: Regioni, Comuni e Uffici giudiziari.

Clicca qui per maggiori informazioni